Il nuovo Bidecalogo del CAI

“Cos’è un Bi-decalogo? Si tratta di un codice di auto-regolamentazione, di un’obbligazione
morale che i Soci si impegnano a contrarre in rapporto al comportamento da tenere nei confronti
dell’ambiente e del territorio montani. In quanto obbligazione morale esso possiede una rilevanza
superiore rispetto a obbligazioni di natura giuridica, poiché fa riferimento alla gerarchia dei doveri che innerva la coscienza individuale e collettiva.
Esso fonda quell’«etica materiale dei valori» che connota il sentire profondo dell'Associazione.”

dalla presentazione del Prof. Annibale Salsa durante l’Assemblea dei Delegati di Torino, 26 Maggio 2013


L’ambiente montano costituisce il “terreno” nel quale si svolge principalmente l’attività del CAI.
Pertanto le molteplici attività del sodalizio devono essere improntate a coerenza per quel che
riguarda la tutela dei valori ambientali; da ciò discende l'efficacia e la credibilità di qualunque
iniziativa e posizione che il CAI stesso volesse intraprendere in difesa dell'ambiente montano.

Il Club Alpino Italiano si assume quindi l’obiettivo di rappresentare l'esempio di come sia possibile
avvicinarsi alla montagna e viverne le bellezze senza in alcun modo degradarne il significato.

pdf-48x48

NUOVO BIDECALOGO

Linee di indirizzo e di autoregolamentazione del CAI
in materia di ambiente e tutela del paesaggio

 PARTE PRIMA POSIZIONE E IMPEGNO DEL CAI A FAVORE DELL’AMBIENTE MONTANO E DELLA SUA TUTELA

  1. la montagna e le aree protette
  2. il territorio, il paesaggio, il suolo
  3. vie di comunicazione e trasporti
  4. turismo in montagna
  5. impianti industriali, cave, miniere, prelievi fluviali, sfruttamento del suolo, impianti idroelettrici
  6. politica venatoria
  7. fonti di energia rinnovabile
  8. terre alte: attività umana e agricoltura di montagna
  9. cambiamenti climatici
  10. politiche per la montagna, convenzioni, rapporti con altri club e altre istituzioni

PARTE SECONDA POLITICA DI AUTODISCIPLINA DEL CAI
Considerazioni generali

  1. rifugi, bivacchi, capanne e sedi sociali
  2. sentieri attrezzati e vie ferrate
  3. alpinismo e arrampicata
  4. scialpinismo ed escursionismo invernale
  5. scialpinismo e altre attività praticate in forma competitiva (gare)
  6. escursionismo e ciclo escursionismo
  7. speleologia e torrentismo
  8. spedizioni alpinistiche e trekking internazionali
  9. manifestazioni
  10. educazione ambientale